sei in: Niballo Palio di Faenza > La corsa > Il Bando

“Udite, Madonne et Cavalieri
de’ turriti castelli della val D’Amone
delle piane ubertose di Romagna,
genti terriere et genti forestiere.
Accorrete alla tenzone ch’ogn’anno
Si corre nel di’ di Santo Pietro. (nella quarta domenica di giugno)
Dalla Porta del Ponte et Montanara,
dalla Porta Imolese et Ravegnana e da Durbecco
Dame e Cavalieri, armigeri e balestri
muoveranno, alte portando le insegne dei Rioni
per disputar sul campo della giostra
l’ambito palio ch’al vincitor compete.
E voi, Madonne, festeggiate i Cavalieri ch’all’incontro giostreran da prodi
Non meno di colui che lauro conquisterà
nella contesa.
Alti volteggeran nel vento, d’abilissimi alfieri,
gli stendardi et scalpitar di destrieri
et balenar d’acciari, rinverdiranno
i fasti della città manfreda.”