Tenzone Aurea 2019: tornano a Faenza i Campionati italiani degli Sbandieratori e dei Musici

bandiere musici niballo

Faenza si prepara ad ospitare dal 13 al 15 settembre la 29esima Tenzone Aurea, i Campionati italiani Assoluti categoria A1 degli Sbandieratori e dei Musici della Federazione Italiana Sbandieratori Antichi Giuochi e Sports della Bandiera (Fisb). La presentazione ufficiale della “Tenzone Aurea” 2019 si è tenuta sabato 27 luglio alle 11.00 nella Sala Bigari del Municipio di Faenza alla presenza di autorità, organizzatori e della presidente Fisb Antonella Palumbo intervenuta a portare il saluto dell’Ente federale.

Dopo 7 anni, tornano così a Faenza i Campionati Italiani, con i quali si vuole anche celebrare il 60ennale del Palio del Niballo dell’età moderna. Tutto ciò è stato resto possibile dalla volontà dei cinque Rioni faentini, che hanno manifestato l’intento di

Conferenza stampa Tenzone Aurea 2019

riportare l’importante evento in città e a questo scopo hanno dato vita all’associazione di promozione sociale “Alfieri Bandieranti del Niballo”. Grazie al loro impegno e a quello della Cooperativa dei Manfredi – società di servizi dei medesimi Rioni – e il Consiglio dei Dieci, si è resa così possibile l’organizzazione dei Campionati, patrocinati dalla Regione Emilia-Romagna, dalla Provincia di Ravenna e dal Comune di Faenza. Un obiettivo raggiunto quindi grazie all’impegno di tante realtà legate al mondo Palio faentino e che “si svolge in uno dei templi della bandiera in Italia” come ha ricordato la presidente Fisb Palumbo.

La “Tenzone Aurea 2019” si svolgerà nelle piazze del centro storico di Faenza (Piazza del Popolo e Piazza Xi Febbraio) e vedrà in competizione 20 Gruppi provenienti da tutta Italia con oltre mille atleti tra sbandieratori e musici e con migliaia di spettatori al seguito, alla scoperta non solo della manifestazione ma anche della nostra città e del territorio circostante. Come spiegato dal Presidente del Consiglio dei Dieci e della Aps organizzatrice Valerio Testa, si è infatti reso necessario per gli organizzatori spingersi anche fuori dal territorio faentino per coprire le necessità alberghiere dei presenti.

 

ll calendario della manifestazione

Ogni gruppo partecipante potrà presentare due esercizi per specialità di Singolo Tradizionale e Coppia Tradizionale, mentre per Piccola Squadra, Grande Squadra e Musici potrà essere presentato un solo esercizio. A questi si aggiungono le wild card e gli esercizi aventi diritto secondo i regolamenti. Nei tre giorni in Piazza Pietro Nenni sarà allestito il “Villaggio dei Gruppi” con un gazebo per ogni Gruppo partecipante, mentre dalla serata di venerdì 13 fino a quella di domenica 15 nella vicina Piazza della Libertà si svolgerà il mercato allestito da espositori nazionali dove si potranno trovare articoli inerenti il “mondo delle bandiere”. Il programma della 29esima Tenzone Aurea prevede per venerdì 13 settembre alle 21 in piazza del Popolo la cerimonia d’inaugurazione con una breve sfilata nel centro storico, la presentazione dei Gruppi partecipanti, il saluto delle autorità e dei rappresentanti della Fisb cui farà seguito lo spettacolo musicale dei percussionisti Vulcanica. Non solo il mondo Palio, ma tutto il centro storico è stato chiamato a partecipare attivamente alla manifestazione. “Faenza è prima di tutto città della ceramica, per cui ci è sembrato importante mettere in moto sin da subito una sinergia con questo settore. Per questo le botteghe ceramiche rimarranno infatti aperte durante il periodo della manifestazione” ha spiegato Giordano Gonnesi della Cooperativa dei Manfredi.

Sabato 14 settembre

dalle 9 alle 13: Eliminatorie della Grande Squadra e Musici in Piazza del Popolo

dalle 9 alle 13: Eliminatorie del Singolo Tradizionale in Piazza XI Febbraio

dalle 21: Finali del Singolo Tradizionale e della Grande Squadra e Musici in Piazza del Popolo

 

Domenica 15 settembre

dalle 9 alle 13: Eliminatorie della Piccola Squadra in Piazza del Popolo

dalle 9 alle 13: Eliminatorie della Coppia Tradizionale in Piazza XI Febbraio

dalle 21: Finali della Coppia Tradizionale e della Piccola Squadra seguite delle premiazioni in Piazza del Popolo.

In caso di maltempo le gare verranno disputate con la medesima programmazione al palazzo dello sport “Vincenzo Cattani” in piazzale Mario Tambini, avente una capacità di circa 5.000 posti a sedere.

 

Come e dove vedere le gare di finale

Tutte le gare di finale, in programma nelle serate di sabato 14 e di domenica 15, saranno diffuse in diretta streaming grazie alla squadra di telecronisti e tecnici messa in campo dalla Cooperativa dei Manfredi con tre telecamere ad alta definizione guidate dalla regia televisiva; le stesse immagini potranno essere viste anche in Piazza del Popolo su un maxischermo a led collocato all’angolo di Corso Mazzini. Per consentire agli spettatori la migliore visione delle gare verrà allestita per l’occasione una tribuna da 420 posti a sedere sul lato nord di Piazza del Popolo, dove il pubblico potrà assistere alla cerimonia inaugurale ed alle competizioni così come sotto ai portici di Palazzo Manfredi e del Palazzo del Podestà.

Inoltre, davanti alla Torre Civica verranno allestiti uno stand dove si potranno trovare gli originali gadget della Tenzone Aurea e lo stand dell’Avis comunale di Faenza, main sponsor della manifestazione insieme a UnipolSai Assicurazioni. La 29esima Tenzone Aurea – Campionati italiani Assoluti categoria A1 degli Sbandieratori e dei Musici è realizzata con “IF Imola Faenza tourism company”, con il sostegno del Consorzio “Faenza C’entro”, del Credito Cooperativo ravennate, forlivese e imolese e di “Caviro Italy’s leading wine Group”.

 

Contest Instagram #niballoanchio19: le interviste ai vincitori (e la gallery 2019)

Un viaggio fatto di storia, tradizioni, attese, passione. A Faenza giugno significa mese del Niballo, con il suo crescendo unico di appuntamenti che riempie di fascino rinascimentale la città e gli spazi rionali. Oltre ai tornei che si svolgono nei fine settimana, c’è chi si emoziona con i suoni di tamburi e chiarine che risuonano nella Piazza e all’interno dei cinque rioni, chi lo associa alla convivialità delle serate rionali con i loro sapori e profumi, e poi c’è chi resta ipnotizzato dai colori e le suggestioni del corteo storico e delle bandiere che sventolano nell’aria. Uno dei modi per serbare a lungo queste emozioni e il loro ricordo è sicuramente quello di catturarle con i nostri occhi attraverso gli scatti fotografici. Così i partecipanti al Contest Instagram #niballoanchio19 sono stati chiamati a raccontare anche quest’anno le manifestazioni del Niballo, la rievocazione storica della città manfreda che coinvolge ogni anno nel mese di giugno migliaia di persone. Sono state tantissime le foto ricevute e ognuna di essa ha saputo raccontare in modo autentico la magia del mese del Niballo da diverse prospettive, cogliendo le sfumature di una manifestazione capace di aggregare un’intera città.

Abbiamo chiesto ai vincitori del Contest Paolo Bulzacca (premio della Community) e Veronica Caroli (premio della Critica) di raccontarci cosa ha ispirato le loro fotografie e cosa significa per loro il mese del Niballo. Ecco qui le loro risposte accompagnate, a fine pagina, da un piccolo book fotografico del mese del Palio, con alcuni degli scatti che hanno partecipato al concorso fotografico #niballoanchio19.

 

Ciao Paolo, raccontaci un po’ di te.

Sono Paolo, sono di Faenza, ho 21 anni e frequento l’università. Ho sempre giocato a calcio, ma per alcuni

Ph. Paolo Bulzacca – Foto vincitrice del Contest #niballoanchio19 (Premio della Community)

anni ho suonato anche nel mio rione (Rione Verde) come chiarina.

Qual è la cosa che ti piace di più delle settimane del Palio?

Mi piace vedere la città di Faenza che si riempie dei cinque colori dei rioni.

Descrivi con tre aggettivi il Niballo Palio di Faenza

Passione, cuore, determinazione.

Cosa hai cercato di rappresentare con la fotografia con cui hai partecipato al Contest Instagram?

La gioia di aver rivinto la botte grazie a Massi e Filo dopo 14 anni.

Qual é stato il momento della giornata del Niballo allo Stadio B. Neri che hai reputato più emozionante?

Gli scudi vinti dal mio Rione.

Consiglieresti a chi non ha mai partecipato alla vita rionale di farlo? Cosa significa far parte di un rione?

Assolutamente si. Il rione diventa una seconda famiglia e ti permette di vivere giugno con una prospettiva completamente diversa.

—————

Ciao Veronica, raccontaci un po’ di te.
Mi chiamo Veronica, ho 31 anni, sono mamma di un bimbo di 4 anni che si chiama Eugenio e ho un negozio di parrucchiera in società con mia mamma da 12 anni. Sono Borghigiana dalla nascita e sono la responsabile del corteo
Ph. Veronica Caroli – Foto vincitrice del Contest #niballoanchio19 (Premio della Critica)

storico di Borgo Durbecco.

Qual è la cosa che ti piace di più delle settimane del Palio?
Sicuramente è l’atmosfera che si respira nelle sedi rionali… è come una famiglia che dopo tanto tempo si riunisce di nuovo tutta insieme e condivide ogni giorno momenti ed emozioni.
Descrivi con tre aggettivi il Niballo Palio di Faenza
In realtà non ho proprio tre aggettivi… per me il palio è passione, adrenalina e soprattutto il palio è vivo e tiene viva la città!
Cosa hai cercato di rappresentare con la fotografia con cui hai partecipato al Contest Instagram?
Ho voluto condividere un momento di gioia immenso per me… poter sfilare in costume storico insieme a mio figlio, potergli far conoscere quello che è il mondo di mamma e babbo anche solo per un’ora. Non avevo qualcosa da rappresentare in particolare, se non il tramandare una passione di generazione in generazione, per far sì che queste passioni continuino a vivere nel tempo.
Qual é stato il momento della giornata del Niballo allo Stadio B. Neri che hai reputato più emozionante?
Il momento più bello della giornata per me è stato sicuramente l’ingresso al campo della giostra… quest’anno avevo un ruolo particolare, ero la dama del mio Borgo e nonostante fosse la quattordicesima volta che entravo al campo in costume, il cambio da rotellino a dama si è fatto sentire tutto e l’emozione è stata indescrivibile
Consiglieresti a chi non ha mai partecipato alla vita rionale di farlo? Cosa significa far parte di un rione?
Assolutamente si! Il rione è famiglia, amici, passione… il rione è la nostra seconda casa e in se racchiude tanti dei momenti più belli della vita di ognuno di noi, emozioni, pianti, vittorie e sconfitte…

 

Continuate a vivere con noi il Niballo con le immagini raccolte durante le settimane del Palio. Anche se le manifestazioni principali si svolgono nel mese di giugno, il mondo dei rioni vive tutto l’anno. Raccontatelo insieme a noi!

Ecco qui una photogallery con alcune delle foto che hanno partecipato al Contest #niballoanchio19. Trovate tutte le foto sull’account Instagram @niballo_paliodifaenza

Passione Niballo: il 30 giugno l’evento al centro commerciale Le Maioliche

I “numeri uno” del Niballo Palio di Faenza saranno gli eccezionali animatori di un pomeriggio elettrizzante domenica 30 giugno 2019 al centro commerciale “Le Maioliche”. L’evento “Passione Niballo” porterà nelle gallerie e nelle piazze della grande struttura di via Bisaura, nei pressi del casello autostradale di Faenza, i vincitori delle diverse competizioni in costume rinascimentale che si sono svolte nei precedenti week end di giugno nella città internazionale della ceramica artistica.

Tutti i vincitori della manifestazione 2019

A “Le Maioliche” daranno spettacolo gli sbandieratori: a succedersi saranno Riccardo Lotti (Borgo Durbecco) vincitore del Singolo under 21 con il tamburino Andrea Foschini e del Singolo senior accompagnato da Marco Liverani, giudicato miglior tamburino della Coppia, Alessio Buzzi e Nicholas Gorini (Borgo Durbecco) primi nella Coppia under 21, Filippo e Massimiliano Rossi (Rione Verde) al vertice nella Coppia senior con la tamburina Chiara Gramellini, la Piccola Squadra del Rione Nero.

Alla kermesse non mancheranno il miglior tamburino della Coppia under 21, Christian Vignoli del Rione Rosso, e i Musici del Borgo Durbecco che hanno sbaragliato la concorrenza al Torneo degli Alfieri bandieranti, oltre a Manuel Timoncini vincitore per il Rione Giallo della 23esima Bigorda d’Oro in sella a Ramona Danzig e, naturalmente, al cavaliere primo al 63esimo Palio del Niballo, Matteo Tabanelli su Kelly in black per il Rione Nero.

“Passione Niballo”, evento realizzato con la collaborazione della Cooperativa dei Manfredi, dei Rioni Giallo, Nero, Rosso, Verde e Borgo Durbecco, prenderà il via alle 17 con un festoso corteo composto da figuranti e sbandieratori dei Rioni rappresentati dai rispettivi gonfaloni, che muoverà dal parcheggio esterno a “Le Maioliche”, entrerà nel centro commerciale e percorrerà le gallerie per fermarsi nelle piazze centrali, dove si svolgeranno le esibizioni degli sbandieratori.

Una tavola rotonda per raccontare il 63° Palio del Niballo

Al termine, si terrà una tavola rotonda sul 63esimo Palio, alla quale parteciperanno il cavaliere vincitore del Palio, il cavaliere vincitore della Bigorda d’Oro, i cinque capiscuderia, il Podestà della Giostra Fausto Brugnonie altri protagonisti delle manifestazioni del Niballo 2019.

Foto: G. Zampaglione

Palio 2019: il commento di Mario Giacomoni

Cominciamo dalla fine: alla 17^ tornata il Rione Rosso perde dal Verde e consegna il Palio 2019 al Nero. Matteo Tabanelli rientra sulla pista alla 19^ tornata, batte anche il Rosso e chiude il suo Niballo da vincitore con sette scudi. Messer Matteo è già sotto la sua curva quando chiamano l’ultima, inutile tornata, che vede il Rosso sfidare il Giallo, ed è “apoteosi nera” al Bruno Neri.

Tabanelli da 10

Quello tra Matteo Tabanelli e la debuttante Kelly in Black è un binomio perfetto (voto 10), perde solo con il Giallo che viene da destra in 12.387. Sono stati eccellenti per Porta Ravegnana anche gli uomini a terra che lavorano con estrema serenità attorno alla giovane cavalla purosangue: fantastica questa cavallina, di quattro anni, che sembra una consumata veterana. Che altro dire se non complimenti ai ragazzi, bravissimi.

Bene il debuttante Nicolas Billi

Il risultato della giostrata è questo: sette scudi al Nero, quattro al Giallo, tre a testa per Rosso e Verde, due al Borgo Durbecco. Detto questo e del campione, vediamo un pochino gli altri. Buon debutto per Nicolas Billi del Rione Verde (6,5), il cavallino Guaderiann si sapeva non essere velocissimo, ma estremamente corretto… un errore iniziale, seguito da una condotta di gara ineccepibile. Se ne riparla fra un anno, quando ambedue avranno fatto la loro brava esperienza.

Chi ha deluso

E adesso tocca a noi: fra slarghi, lisci e robacce varie, annotiamo un nullo e altri cinque errori a bersaglio… il Rione Giallo con Daniele Ravagli (4) che perde un Palio, già bello e impacchettato, con un cavallo, Nanbo King, di una spanna superiore a tutti gli altri. Il Rione Rosso con Valentino Medori (6) che salva la faccia, ma non il risultato, con il fantino di Porta Imolese che di arrivare ultimo proprio non ne vuole sapere. Borgo Durbecco con Cristian Cordari (4) non pervenuto. Fintanto che gli stranieri pretendenti al nostro Palio sono questi tiriamo tutti dei bei sospiri di sollievo…

Mario Giacomoni

Foto: Antonio Veca

Il video di Faenza Web Tv con il commento post-Palio di Giacomoni

Matteo Tabanelli (Rione Nero) riporta il Palio del Niballo a Porta Ravegnana

Una vittoria conquistata con impegno e dedizione, dimostrando di aver fatto il salto di qualità e di essere ora tra i grandi di questa giostra storica tra le più difficili d’Italia. Matteo Tabanelli del Rione Nero conquista il 63° Palio del Niballo di Faenza: non era tra i favoriti, ma ha dimostrato, grazie al binomio con la cavalla purosangue di 4 anni Kelly in Black, velocità e precisione superiori ai suoi avversari, portando a casa il drappo del Niballo matematicamente alla 17^ tornata. Si tratta della 16^ vittoria del Rione Nero – secondo in questa classifica al Rione Rosso – che non conquistava il Palio dal 2008 con Alfiero Capiani. La classifica finale del Palio di Faenza 2019 recita: Rione Nero primo con 7 scudi, Rione Giallo 4 scudi, Rione Rosso e Rione Verde 3 scudi, Borgo Durbecco 2 scudi. Il Premio Baravelli per la tornata più veloce (la 9^) conferma come l’anno scorso Daniele Ravagli, con 12’387.

«Non ci credo ancora, la cavalla ha tenuto benissimo la pista – ha commentato il vincitore al termine della gara – Dedico questa vittoria alla scuderia, ai miei amici e alla mia famiglia. Ero sempre lucido di testa, sono sempre andato concentrato agli stalli e anche la sconfitta alla tornata col Giallo non ha influito. Adesso si festeggia». Al Rione Nero va anche il trofeo Gorini per la miglior scuderia sulla base degli scudi conquistati tra Bigorda e giostra del Niballo 2019.

I pronostici sono fatti per non essere rispettati, e così è stato per questa giostra del Niballo che si è svolta domenica 23 giugno 2019 allo stadio Bruno Neri di Faenza tutto esaurito di fronte a 5mila spettatori. Anche per via della pista pesante dopo la pioggia di ieri, tempi alti (alcune tornate sono state vinte con tempi superiori ai 13 secondi) e diversi errori hanno caratterizzato la gara, che vedeva ben quattro cavalli debuttanti alla giostra del Niballo. Valentino Medori non si è presentato con il compagno di tante battaglie Usurpatore, reduce da un leggero infortunio che non gli ha permesso di partecipare alla giostra del Niballo: ha corso dunque con il debuttante Solsbury Hill, sicuramente meno competitivo. Daniele Ravagli alla fine ha optato per l’esperto Nanbo King; Matteo Tabanelli del Rione Nero ha corso invece sulla debuttante Kelly in Black; Cristian Cordari del Borgo Durbecco ha confermato come nelle previsioni Gaggiano; mentre il debuttante Nicolas Billi del Rione Verde su Guaderiann.

La 1^ serie di tornate

Seguendo la classifica dello scorso anno, è Nicolas Billi del Verde a ‘rompere il ghiaccio’ e a cominciare a sfidare tutti gli altri rioni. E il Niballo non inizia nel migliori dei modi: nella prima tornata sia il rione Verde che il Borgo ‘bucano’ il bersaglio. Per assistere al primo scudo della giostra bisogna dunque attendere alla tornata successiva: Matteo Tabanelli arriva nettamente prima sul bersaglio e lo fa suo; il primo scudo del Palio è del Nero, e sarà un buon segno per il resto della gara. Entra poi in scena il favorito della giornata dopo il ko di Usurpatore: Daniele Ravagli, che non sbaglia e sembra iniziare nel migliore dei modi questo Niballo 2019. L’incognita Rosso pare dare segnali positivi: lo scudo è di Medori anche se non con un tempo velocissimo.

La prima serie di tornate si conclude con Nero, Giallo e Rosso vincitori di uno scudo, Borgo Durbecco e Rione Verde ancora zero scudi.

La 2^ serie di tornate

La seconda tornata, che vede Cristian Cordari sfidare gli altri cavalieri sulla pista di sinistra, inizia già a dare le prime indicazioni: il primo scudo va a Matteo Tabanelli, che fa così due scudi su due. Poi un colpo di scena: Ravagli, pur velocissimo, sbaglia e regala il primo scudo della giornata a Borgo Durbecco. E Cordari conquista anche lo scudo del Rione Rosso, con Solsbury Hill che allunga toppo la curva e perde così qualsiasi tipo di possibilità di arrivare primo sul bersaglio. I due campioni delle ultime due edizioni non sembrano impeccabili. L’ultimo scudo di questa tornata, il primo per lui nella giostra del Niballo, va a Nicolas Billi.

La seconda serie di tornate si conclude con Nero e Borgo avanti con due scudi, Rosso, Giallo e Verde uno scudo.

La 3^ serie di tornate

La terza serie di tornate vede testare le ambizioni di vittoria di Matteo Tabanelli, in quel momento primo nella gara con i migliori tempi in pista. E la prima sfida ha già il sapore di una tornata decisiva con Daniele Ravagli, che si riscatta dell’errore precedente conquistando il suo secondo scudo con un grande tempo ‘da Niballo’ (12’387) che gli varrà il premio Baravelli. Valentino Medori prova a tornare in gara, ma Tabanelli è più veloce: lo scudo è suo. Il buono stato di forma del cavaliere del Nero si conferma anche alla tornata successiva, quando batte sul tempo Nicolas Billi. Tabanelli fa poi tre su quattro con la vittoria su Cristian Cordari, ipotecando il successo in questo Niballo 2019. Ma siamo ancora a poco più di metà della gara.

La terza serie di tornate si conclude con il rione Nero avanti con 5 scudi, a seguire il Giallo e il Borgo com due scudi; infine Rosso e Verde uno scudo.

La 4^ serie di tornate

Dopo il Nero, è ora il Giallo con Daniele Ravagli a dover dimostrare di essere il cavaliere più veloce e preciso di questa giostra del Niballo. E si inizia subito con una delle sfide che negli ultimi anni ha più di altre caratterizzato questo Palio del Niballo: Giallo vs. Rosso; Ravagli vs. Medori; e il detentore del titolo tira fuori una tornata da campione sfilando lo scudo al Giallo. La giornata-no del cavaliere di porta Ponte prosegue anche nella tornata successiva: bersaglio mancato e scudo al Verde. Nella successiva tornata Ravagli non può più sbagliare, e così è: batte Cordari e porta il Giallo a 3 scudi. L’ultima sfida è quella tra Giallo e Nero, ed è una tornata che sa già di spareggio tra i due principali contendenti del Niballo. Ed è Tabanelli a fare suo lo scudo: ora sono sei in tutto, il Giallo è fuori dai giochi e il Niballo è sempre più vicino.

A una tornata dalla fine la classifica recita: Nero in testa 6 scudi, secondo posto per il Giallo con 3 scudi, a seguire Rosso, Borgo e Verde hanno due scudi. Ora solo Valentino Medori potrebbe insidiare il cavaliere di Porta Ravegnana vincendo tutti gli scudi della prossima tornata.

La 5^ serie di tornate

La possibile ‘remuntada’ di Porta Imolese finisce però sul nascere: la 17^ tornata del Niballo sancisce la vittoria di Matteo Tabanelli: Valentino Medori perde la sfida con Nicolas Billi e diventa per lui impossibile ormai raggiungere il cavaliere di Porta Ravegnana. Il resto delle tornate servono poi per definire le successive posizioni: il Rosso sconfigge il Borgo; nella successiva, con la vittoria del Nero, viene sancito il passaggio di testimone come vincitori del Niballo tra Medori e Tabanelli: è standing ovation per il cavaliere di Porta Ravegnana. L’ultima tornata vede vincere il Giallo (che arriva così secondo), ma ormai il più è stato detto e a via Della Croce ci si prepara a grandi festeggiamenti.

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Verde Borgo nulla
Verde Nero Nero  12’931 12’537
Verde Giallo Giallo 12’942 12’768
Verde Rosso Rosso 13’094 12’947

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Borgo Nero Nero 12’605
Borgo Giallo Borgo 12’784
Borgo Rosso Borgo 13’022
Borgo Verde Verde 13’502 13’269

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Nero Giallo Giallo  13’178 12’387
Nero Rosso Nero 13’100
Nero Verde Nero 12’827 13’013
Nero Borgo Nero 12’971 13’233

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Giallo Rosso Rosso 13’109 12’660
Giallo Verde Verde 13’010
Giallo Borgo Giallo  13’349 13’075
Giallo Nero Nero 12’941 12’692

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Rosso Verde Verde 13’200 13’085
Rosso Borgo Rosso  12’865 13’247
Rosso Nero Nero 13’088 12’761
Rosso Giallo Giallo 13’088 12’632

Matteo Tabanelli: “Sono stato sempre lucido nel corso della gara”

Il Rione Nero arriva alla vittoria con il 23enne Matteo Tabanelli, agricoltore. Da meno di sei anni si allena con la lancia in tornei storici e sarà alla sua terza apparizione nella gara più titolata. Tabanelli è 18° cavaliere della storia del Rione di via Della Croce e vanta la vittoria della Bigorda 2016 ottenuta con 8 scudi, inoltre nel 2015 ha vinto il Palio del Mare e la prima edizione della Giostra di Castel Bolognese. Il Niballo è suo con sette scudi.

«E’ stata un’emozione grandissima – commenta il capo rione Peter Caroli – sia perché è da tanto che sono nella dirigenza, è il mio quinto anno da capo rione e da tanto inseguivamo questo successo. Avevamo ottenuto risultati su tutto, ma il Palio ci mancava: siamo arrivati anche lì. Stasera il cielo si tinge di nero e andiamo a festeggiare».

La vittoria del Palio vista dalla curva del Rione Nero