Passione Niballo: il 30 giugno l’evento al centro commerciale Le Maioliche

I “numeri uno” del Niballo Palio di Faenza saranno gli eccezionali animatori di un pomeriggio elettrizzante domenica 30 giugno 2019 al centro commerciale “Le Maioliche”. L’evento “Passione Niballo” porterà nelle gallerie e nelle piazze della grande struttura di via Bisaura, nei pressi del casello autostradale di Faenza, i vincitori delle diverse competizioni in costume rinascimentale che si sono svolte nei precedenti week end di giugno nella città internazionale della ceramica artistica.

Tutti i vincitori della manifestazione 2019

A “Le Maioliche” daranno spettacolo gli sbandieratori: a succedersi saranno Riccardo Lotti (Borgo Durbecco) vincitore del Singolo under 21 con il tamburino Andrea Foschini e del Singolo senior accompagnato da Marco Liverani, giudicato miglior tamburino della Coppia, Alessio Buzzi e Nicholas Gorini (Borgo Durbecco) primi nella Coppia under 21, Filippo e Massimiliano Rossi (Rione Verde) al vertice nella Coppia senior con la tamburina Chiara Gramellini, la Piccola Squadra del Rione Nero.

Alla kermesse non mancheranno il miglior tamburino della Coppia under 21, Christian Vignoli del Rione Rosso, e i Musici del Borgo Durbecco che hanno sbaragliato la concorrenza al Torneo degli Alfieri bandieranti, oltre a Manuel Timoncini vincitore per il Rione Giallo della 23esima Bigorda d’Oro in sella a Ramona Danzig e, naturalmente, al cavaliere primo al 63esimo Palio del Niballo, Matteo Tabanelli su Kelly in black per il Rione Nero.

“Passione Niballo”, evento realizzato con la collaborazione della Cooperativa dei Manfredi, dei Rioni Giallo, Nero, Rosso, Verde e Borgo Durbecco, prenderà il via alle 17 con un festoso corteo composto da figuranti e sbandieratori dei Rioni rappresentati dai rispettivi gonfaloni, che muoverà dal parcheggio esterno a “Le Maioliche”, entrerà nel centro commerciale e percorrerà le gallerie per fermarsi nelle piazze centrali, dove si svolgeranno le esibizioni degli sbandieratori.

Una tavola rotonda per raccontare il 63° Palio del Niballo

Al termine, si terrà una tavola rotonda sul 63esimo Palio, alla quale parteciperanno il cavaliere vincitore del Palio, il cavaliere vincitore della Bigorda d’Oro, i cinque capiscuderia, il Podestà della Giostra Fausto Brugnonie altri protagonisti delle manifestazioni del Niballo 2019.

Foto: G. Zampaglione

Palio 2019: il commento di Mario Giacomoni

Cominciamo dalla fine: alla 17^ tornata il Rione Rosso perde dal Verde e consegna il Palio 2019 al Nero. Matteo Tabanelli rientra sulla pista alla 19^ tornata, batte anche il Rosso e chiude il suo Niballo da vincitore con sette scudi. Messer Matteo è già sotto la sua curva quando chiamano l’ultima, inutile tornata, che vede il Rosso sfidare il Giallo, ed è “apoteosi nera” al Bruno Neri.

Tabanelli da 10

Quello tra Matteo Tabanelli e la debuttante Kelly in Black è un binomio perfetto (voto 10), perde solo con il Giallo che viene da destra in 12.387. Sono stati eccellenti per Porta Ravegnana anche gli uomini a terra che lavorano con estrema serenità attorno alla giovane cavalla purosangue: fantastica questa cavallina, di quattro anni, che sembra una consumata veterana. Che altro dire se non complimenti ai ragazzi, bravissimi.

Bene il debuttante Nicolas Billi

Il risultato della giostrata è questo: sette scudi al Nero, quattro al Giallo, tre a testa per Rosso e Verde, due al Borgo Durbecco. Detto questo e del campione, vediamo un pochino gli altri. Buon debutto per Nicolas Billi del Rione Verde (6,5), il cavallino Guaderiann si sapeva non essere velocissimo, ma estremamente corretto… un errore iniziale, seguito da una condotta di gara ineccepibile. Se ne riparla fra un anno, quando ambedue avranno fatto la loro brava esperienza.

Chi ha deluso

E adesso tocca a noi: fra slarghi, lisci e robacce varie, annotiamo un nullo e altri cinque errori a bersaglio… il Rione Giallo con Daniele Ravagli (4) che perde un Palio, già bello e impacchettato, con un cavallo, Nanbo King, di una spanna superiore a tutti gli altri. Il Rione Rosso con Valentino Medori (6) che salva la faccia, ma non il risultato, con il fantino di Porta Imolese che di arrivare ultimo proprio non ne vuole sapere. Borgo Durbecco con Cristian Cordari (4) non pervenuto. Fintanto che gli stranieri pretendenti al nostro Palio sono questi tiriamo tutti dei bei sospiri di sollievo…

Mario Giacomoni

Foto: Antonio Veca

Il video di Faenza Web Tv con il commento post-Palio di Giacomoni

Matteo Tabanelli (Rione Nero) riporta il Palio del Niballo a Porta Ravegnana

Una vittoria conquistata con impegno e dedizione, dimostrando di aver fatto il salto di qualità e di essere ora tra i grandi di questa giostra storica tra le più difficili d’Italia. Matteo Tabanelli del Rione Nero conquista il 63° Palio del Niballo di Faenza: non era tra i favoriti, ma ha dimostrato, grazie al binomio con la cavalla purosangue di 4 anni Kelly in Black, velocità e precisione superiori ai suoi avversari, portando a casa il drappo del Niballo matematicamente alla 17^ tornata. Si tratta della 16^ vittoria del Rione Nero – secondo in questa classifica al Rione Rosso – che non conquistava il Palio dal 2008 con Alfiero Capiani. La classifica finale del Palio di Faenza 2019 recita: Rione Nero primo con 7 scudi, Rione Giallo 4 scudi, Rione Rosso e Rione Verde 3 scudi, Borgo Durbecco 2 scudi. Il Premio Baravelli per la tornata più veloce (la 9^) conferma come l’anno scorso Daniele Ravagli, con 12’387.

«Non ci credo ancora, la cavalla ha tenuto benissimo la pista – ha commentato il vincitore al termine della gara – Dedico questa vittoria alla scuderia, ai miei amici e alla mia famiglia. Ero sempre lucido di testa, sono sempre andato concentrato agli stalli e anche la sconfitta alla tornata col Giallo non ha influito. Adesso si festeggia». Al Rione Nero va anche il trofeo Gorini per la miglior scuderia sulla base degli scudi conquistati tra Bigorda e giostra del Niballo 2019.

I pronostici sono fatti per non essere rispettati, e così è stato per questa giostra del Niballo che si è svolta domenica 23 giugno 2019 allo stadio Bruno Neri di Faenza tutto esaurito di fronte a 5mila spettatori. Anche per via della pista pesante dopo la pioggia di ieri, tempi alti (alcune tornate sono state vinte con tempi superiori ai 13 secondi) e diversi errori hanno caratterizzato la gara, che vedeva ben quattro cavalli debuttanti alla giostra del Niballo. Valentino Medori non si è presentato con il compagno di tante battaglie Usurpatore, reduce da un leggero infortunio che non gli ha permesso di partecipare alla giostra del Niballo: ha corso dunque con il debuttante Solsbury Hill, sicuramente meno competitivo. Daniele Ravagli alla fine ha optato per l’esperto Nanbo King; Matteo Tabanelli del Rione Nero ha corso invece sulla debuttante Kelly in Black; Cristian Cordari del Borgo Durbecco ha confermato come nelle previsioni Gaggiano; mentre il debuttante Nicolas Billi del Rione Verde su Guaderiann.

La 1^ serie di tornate

Seguendo la classifica dello scorso anno, è Nicolas Billi del Verde a ‘rompere il ghiaccio’ e a cominciare a sfidare tutti gli altri rioni. E il Niballo non inizia nel migliori dei modi: nella prima tornata sia il rione Verde che il Borgo ‘bucano’ il bersaglio. Per assistere al primo scudo della giostra bisogna dunque attendere alla tornata successiva: Matteo Tabanelli arriva nettamente prima sul bersaglio e lo fa suo; il primo scudo del Palio è del Nero, e sarà un buon segno per il resto della gara. Entra poi in scena il favorito della giornata dopo il ko di Usurpatore: Daniele Ravagli, che non sbaglia e sembra iniziare nel migliore dei modi questo Niballo 2019. L’incognita Rosso pare dare segnali positivi: lo scudo è di Medori anche se non con un tempo velocissimo.

La prima serie di tornate si conclude con Nero, Giallo e Rosso vincitori di uno scudo, Borgo Durbecco e Rione Verde ancora zero scudi.

La 2^ serie di tornate

La seconda tornata, che vede Cristian Cordari sfidare gli altri cavalieri sulla pista di sinistra, inizia già a dare le prime indicazioni: il primo scudo va a Matteo Tabanelli, che fa così due scudi su due. Poi un colpo di scena: Ravagli, pur velocissimo, sbaglia e regala il primo scudo della giornata a Borgo Durbecco. E Cordari conquista anche lo scudo del Rione Rosso, con Solsbury Hill che allunga toppo la curva e perde così qualsiasi tipo di possibilità di arrivare primo sul bersaglio. I due campioni delle ultime due edizioni non sembrano impeccabili. L’ultimo scudo di questa tornata, il primo per lui nella giostra del Niballo, va a Nicolas Billi.

La seconda serie di tornate si conclude con Nero e Borgo avanti con due scudi, Rosso, Giallo e Verde uno scudo.

La 3^ serie di tornate

La terza serie di tornate vede testare le ambizioni di vittoria di Matteo Tabanelli, in quel momento primo nella gara con i migliori tempi in pista. E la prima sfida ha già il sapore di una tornata decisiva con Daniele Ravagli, che si riscatta dell’errore precedente conquistando il suo secondo scudo con un grande tempo ‘da Niballo’ (12’387) che gli varrà il premio Baravelli. Valentino Medori prova a tornare in gara, ma Tabanelli è più veloce: lo scudo è suo. Il buono stato di forma del cavaliere del Nero si conferma anche alla tornata successiva, quando batte sul tempo Nicolas Billi. Tabanelli fa poi tre su quattro con la vittoria su Cristian Cordari, ipotecando il successo in questo Niballo 2019. Ma siamo ancora a poco più di metà della gara.

La terza serie di tornate si conclude con il rione Nero avanti con 5 scudi, a seguire il Giallo e il Borgo com due scudi; infine Rosso e Verde uno scudo.

La 4^ serie di tornate

Dopo il Nero, è ora il Giallo con Daniele Ravagli a dover dimostrare di essere il cavaliere più veloce e preciso di questa giostra del Niballo. E si inizia subito con una delle sfide che negli ultimi anni ha più di altre caratterizzato questo Palio del Niballo: Giallo vs. Rosso; Ravagli vs. Medori; e il detentore del titolo tira fuori una tornata da campione sfilando lo scudo al Giallo. La giornata-no del cavaliere di porta Ponte prosegue anche nella tornata successiva: bersaglio mancato e scudo al Verde. Nella successiva tornata Ravagli non può più sbagliare, e così è: batte Cordari e porta il Giallo a 3 scudi. L’ultima sfida è quella tra Giallo e Nero, ed è una tornata che sa già di spareggio tra i due principali contendenti del Niballo. Ed è Tabanelli a fare suo lo scudo: ora sono sei in tutto, il Giallo è fuori dai giochi e il Niballo è sempre più vicino.

A una tornata dalla fine la classifica recita: Nero in testa 6 scudi, secondo posto per il Giallo con 3 scudi, a seguire Rosso, Borgo e Verde hanno due scudi. Ora solo Valentino Medori potrebbe insidiare il cavaliere di Porta Ravegnana vincendo tutti gli scudi della prossima tornata.

La 5^ serie di tornate

La possibile ‘remuntada’ di Porta Imolese finisce però sul nascere: la 17^ tornata del Niballo sancisce la vittoria di Matteo Tabanelli: Valentino Medori perde la sfida con Nicolas Billi e diventa per lui impossibile ormai raggiungere il cavaliere di Porta Ravegnana. Il resto delle tornate servono poi per definire le successive posizioni: il Rosso sconfigge il Borgo; nella successiva, con la vittoria del Nero, viene sancito il passaggio di testimone come vincitori del Niballo tra Medori e Tabanelli: è standing ovation per il cavaliere di Porta Ravegnana. L’ultima tornata vede vincere il Giallo (che arriva così secondo), ma ormai il più è stato detto e a via Della Croce ci si prepara a grandi festeggiamenti.

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Verde Borgo nulla
Verde Nero Nero  12’931 12’537
Verde Giallo Giallo 12’942 12’768
Verde Rosso Rosso 13’094 12’947

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Borgo Nero Nero 12’605
Borgo Giallo Borgo 12’784
Borgo Rosso Borgo 13’022
Borgo Verde Verde 13’502 13’269

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Nero Giallo Giallo  13’178 12’387
Nero Rosso Nero 13’100
Nero Verde Nero 12’827 13’013
Nero Borgo Nero 12’971 13’233

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Giallo Rosso Rosso 13’109 12’660
Giallo Verde Verde 13’010
Giallo Borgo Giallo  13’349 13’075
Giallo Nero Nero 12’941 12’692

 

Pista di sx Pista di dx Vincitore Tempo sx Tempo dx
Rosso Verde Verde 13’200 13’085
Rosso Borgo Rosso  12’865 13’247
Rosso Nero Nero 13’088 12’761
Rosso Giallo Giallo 13’088 12’632

Matteo Tabanelli: “Sono stato sempre lucido nel corso della gara”

Il Rione Nero arriva alla vittoria con il 23enne Matteo Tabanelli, agricoltore. Da meno di sei anni si allena con la lancia in tornei storici e sarà alla sua terza apparizione nella gara più titolata. Tabanelli è 18° cavaliere della storia del Rione di via Della Croce e vanta la vittoria della Bigorda 2016 ottenuta con 8 scudi, inoltre nel 2015 ha vinto il Palio del Mare e la prima edizione della Giostra di Castel Bolognese. Il Niballo è suo con sette scudi.

«E’ stata un’emozione grandissima – commenta il capo rione Peter Caroli – sia perché è da tanto che sono nella dirigenza, è il mio quinto anno da capo rione e da tanto inseguivamo questo successo. Avevamo ottenuto risultati su tutto, ma il Palio ci mancava: siamo arrivati anche lì. Stasera il cielo si tinge di nero e andiamo a festeggiare».

La vittoria del Palio vista dalla curva del Rione Nero

A Elena Dal Monte del Rione Nero il liocorno 2019

E’ Elena Dal Monte a conquistare il prestigioso premio del Liocorno come miglior figura femminile del corteo storico del Niballo. Nel corso della sfilata di domenica 23 giugno la Deputazione del Palio ha assegnato alla dama del rione di Porta Ravegnana il premio più ambito del corteo storico.

Il premio è assegnato alla dama a seguito dalla valutazione dell’acconciatura e dall’armonia del viso, in particolare per l’«insieme della nobile figura e della perfetta corrispondenza tra la bellezza del volto e l’appropriata acconciatura». Elena Dal Monte vince così l’opera realizzata quest’anno dall’artista Mirta Carroli. Il premio è offerto dalla Cooperativa ceramica di Imola.

«Sono nata a Faenza il 6 agosto del 1999 – aveva raccontato nei giorni scorsi- La mia famiglia è storicamente tifosa del Rione Nero e grazie a loro sono entrata a far parte di questo mondo. Attualmente lavoro come segretaria, sono appassionata di basket, e seguo il Faenza. Poter rappresentare il Nero è una grande emozione e un grande onore».

Un viaggio nella storia con oltre trecento figuranti: il periodo storico rinascimentale preso in considerazione dalla rievocazione storica del Palio del Niballo va dal 1410, con la signoria di Gian Galeazzo Manfredi a Faenza, fino ad Astorgio III del 1501, quando quest’ultimo venne sconfitto dal duca Valentino, Cesare Borgia.

Il miglior figurante è il medico Lionello Vittori (Rione Rosso)

E’ il medico Lionello Vittori del rione di Porta Imolese, interpretato da Claudio Ossani e presentato per la prima volta proprio quest’anno, a vincere il premio come miglior figurante del Niballo. La Deputazione ha assegnato questo premio «Per la tipicità e storicità del soggetto e per il portamento adeguato al suo casato».

A Piero Tamburini (Rione Giallo) il Premio all’Araldo

Piero Tambruni del rione Giallo è il miglior araldo che ha accompagnato il corteo storico. Il premio è offerto dal Baldini Group. La Deputazione ha assegnato il premio «Per la novità del testo in ottave ariostesche che ben si inserisce nell’epoca di cui si tratta».

Al termine della giostra del Niballo sarà assegnato il premio al miglior responsabile scuderia offerto dalla famiglia Gorini in memoria di ‘Bobo’ Gorini, al rione che ha ottenuto più scudi tra le giostre della Bigorda e del Niballo.

Le 5 dame del Niballo 2019: a chi andrà il Liocorno?

Con la loro eleganza e bellezza rappresenteranno al meglio il loro Rione. Saranno loro le cinque dame a contendersi il prestigioso premio del Liocorno, quest’anno realizzato dall’artista Mirta Carroli. Il Trofeo in palio, che sarà consegnato il 23 giugno allo stadio Bruno Neri al termine della sfilata storica, tradizionalmente rappresenta un “Liocorno” legato all’iconografia quattrocentesca che lo identifica come simbolo di femminilità. La Deputazione per il Niballo valuta “la migliore acconciatura femminile, valutando non solo la pettinatura, ma l’insieme del viso e dell’eventuale copricapo”.

Borgo Durbecco – Veronica Caroli

Veronica Caroli ha 31 anni ed è la Dama di Borgo Durbecco. «Faccio la parrucchiera da 12 anni e sono titolare di un salone insieme a mia mamma Elisabetta. Dal 2011 sono anche la parrucchiera delle dame del borgo Durbecco e dal 2012 responsabile del corteo storico. Sono Borghigiana dalla nascita e pienamente attiva nel rione da quando ho 15 anni. Fidanzata del capogruppo sbandieratori e musici e mamma di un bimbo di 4 anni, Eugenio. Il rione rappresenta una parte fondamentale della mia vita, e fare la dama è sicuramente il mio sogno di bambina che si realizza. Diventando responsabile del corteo avevo un po’ accantonato questo pensiero, ma la mia squadra di lavoro mi ha spronato a prendere questa decisione per festeggiare il mio compleanno che sarà il 22 giugno, il giorno prima del palio. Insomma un bel regalo! Sarà un’emozione immensa sicuramente, ma vivere questa esperienza con attorno a me in sfilata tutti i miei amici di una vita renderà l’esperienza indimenticabile. Sicuramente oltre al mio gruppo di lavoro, che quel giorno sarà pronto a gestire tutto senza di me devo ringraziare i miei rionali, il consiglio direttivo e il caporione Filippo per la fiducia e per avete creduto in me spingendomi a realizzare questo sogno!».

Rione Giallo – Serena Donatini

La Dama a cavallo di Porta Ponte sarà Serena Donatini. Ha da poco compiuto 34 anni e di professione fa la bancaria. Si definisce «rionale per colpa del marito». «È un onore rappresentare la parte femminile del rione Giallo – racconta – Sarà una giornata molto emozionante ma sicuramente ricca di una carica positiva che spero di trasmettere a tutti i rionali di porta ponte ed al cavaliere».

Rione Nero – Elena Dal Monte

La Dama a cavallo Rione Nero sarà Elena Dal Monte. «Sono nata a Faenza il 6 agosto del 1999. La mia famiglia è storicamente tifosa del Rione Nero e grazie a loro sono entrata a far parte di questo mondo. Attualmente lavoro come segretaria, sono appassionata di basket, e seguo il Faenza. Poter rappresentare il Nero è una grande emozione e un grande onore».

Rione Rosso – Noemi Perfetti

Noemi Perfetti ha 30 anni ed è impiegata in uno studio commerciale. Frequenta il Rione dal 2012, da quando il padre Gianluca “Pastamatik”, membro del gruppo scuderia, è improvvisamente mancato causa incidente stradale e lei per onorarlo e sentirlo più vicino ha deciso di vivere per lui le sue passioni, come quella che aveva per il Rione ed i cavalli. I rionali l’hanno accolta fin da subito calorosamente, come una sedonda famiglia, e da allora frequenta attivamente il Rione collaborando nei vari settori. Ha già preso parte a diverse manifestazioni impersonando la Dama del Rione Ross, ma mai in una manifestazione ufficiale, ed è molto fiera ed orgogliosa di poter rappresentare tutte le donne di Porta Imolese. Nel 2015 ha sfilato al concorso “La più bella del Reame” indossando il costume del gruppo municipale di Faenza, vincendo il premio come miglior acconciatura.

Rione Verde – Nicole Savorani

Nicole Savorani sarà la nuova Madonna Rundanina del Rione Verde per il corteo storico del Palio. Con i suoi 13 anni sarà la più giovane a interpretare il ruolo di dama a cavallo. Ha 13 anni, compiuti lo scorso 5 aprile, e probabilmente si troverà a essere la più giovane dama a cavallo del corteo storico del Palio del Niballo sin dalla sua istituzione dell’epoca moderna nel 1959. Nicole Savorani sarà domenica 23 giugno la giusta interprete per la figura di Madonna Rundanina, la giovane nubile della Famiglia Rondanini, simbolo di nobiltà nella sfilata del Rione Verde. Nicole Savorani, pelle chiara, capelli castani su 164 centimetri d’altezza, è una rionale del Verde da quando era bambina, avendo già sfilato a piedi nel corteo storico del Palio.

A cura di Gabriele Garavini