Nella giornata del 18 maggio è stata resa nota la scomparsa, all’età di 86 anni, di Walter Padovani, per 42 anni dipendente del Comune di Faenza e tra i fondatori del Rione Rosso che ha guidato per ben 37 anni. Padovani però è stato a suo modo un pioniere per il Palio, aprendo la strada al mondo rionale e partecipando alla nascita e all’ideazione della Giostra dei cavalli per come la conosciamo oggi e di tante manifestazioni collaterali che sono diventate un punto fermo tra gli eventi legati al Palio del Niballo come il giuramento dei cavalieri in piazza, le gare tra gli sbandieratori, la Settimana del Palio durante la quale i Rioni danno il meglio nell’intrattenimento e della socialità, senza dimenticare l’istituzione della ‘Nott de Bisò’. Con i colori di Porta Imolese corse anche come cavaliere nel 1960 e nel 1961.

Faentino di nascita, da qualche anno Padovani, dopo la pensione, si era trasferito in un comune del ferrarese. “Ho appreso con

Walter Padovani

grande tristezza – dice il Magistrato dei Rioni e Sindaco di Faenza, Massimo Isola – la notizia della scomparsa di Walter Padovani, un esempio per la municipalità. Walter ha speso tutta la sua vita per gli altri, sia in qualità di dipendente comunale che come capo del Rione di Porta Imolese, dando tanto alla comunità, assieme a quelli che lo affiancarono sul finire degli anni ’50, nell’ideare e realizzare la Giostra con i cavalli, manifestazione ammirata e presa ad esempio in tutta Italia. Padovani con il suo impegno e la sua dedizione contribuì a porre le basi per il movimento del mondo rionale. Un mondo che però non rimane orfano perché Walter lascia alla città e a tutti i giovani che si avvicinano al Palio la sua esperienza e la sua grande passione che tutti gli hanno sempre riconosciuto. Il mio pensiero è rivolto alla famiglia e a tutto al mondo del Palio che con la scomparsa di Walter ha perso una importante figura di riferimento. A loro va il mio più profondo cordoglio”.