Bigorda 2018: il commento di Mario Giacomoni