Torneo di dodgeball al rione Nero: stravince ancora l’Handball Faenza

Handball Faenza

Schiva, prendi e… tira: queste le parole chiave per riuscire a vincere sugli avversari, e i sei giocatori della Handball Faenza sono riusciti a metterle in pratica al meglio. Si è concluso con la loro netta vittoria la quinta edizione del torneo del Pino Nero, disputatosi lunedì 12 e martedì 13 giugno nella sede del Rione Nero in via della Croce, l’evento si è svolto nel corso della tradizionale settimana delle bandiere. Una due giorni all’insegna di uno sport alternativo che ha messo di fronte sette squadre all’interno del campo da gioco “costruito” per l’occasione. Rullo compressore del torneo la squadra di pallamano faentina, capaci di vincere tutte le partite del torneo sconfiggendo in finale la squadra degli E-motivo per 3-0, giovani volontari di Emergency. Per la squadra di Handball si tratta di una riconferma dopo il successo del 2016.

Sport protagonista al rione. Dopo i tornei di basket e baskin, il rione di Porta Ravegnana conferma di puntare forte sullo sport per coinvolgere le persone alle attività rionali: la settimana prossima andrà in scena la staffetta.

Il dodgeball: le regole di base

Diventato famoso anche grazie al film “Palle al balzo” con Ben Stiller, il dodgeball (letteralmente palla schivata) è uno sport di squadra nato come evoluzione agonistica della comune palla prigioniera che tanto appassiona i ragazzi durante i campi estivi. Solitamente si gioca in sei contro sei, con tre palloni. A inizio partita i palloni sono situati al centro della “dead zone”, fascia di 60 cm che divide le due aree di gioco, equamente distanziate; i giocatori invece sono fermi dietro la propria linea di fondocampo, pronti a partire quando l’arbitro fischia l’inizio della partita per accaparrarsi il maggior numero di palloni prima degli avversari. Il numero di giocatori che possono correre per aggiudicarsi un pallone è pari al numero dei palloni in campo. I restanti giocatori entrano in campo al seguito del fischio di inizio. L’obiettivo del gioco è quello di eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, o terminare il gioco con un numero di giocatori in campo maggiore rispetto la squadra avversaria.

Il dodgeball in Italia

Nel 2007 il Csi, ha importato in Italia il gioco del Dodgeball, e a Ravenna è stato strutturato nel 2007/08 il primo vero e proprio campionato a squadre per la categoria Promoter. Nel 2011 è nata l’Associazione Italiana Dodgeball. Dei tornei di dodgeball sono stati svolti in città come Torino, Napoli e Ancona, e dal 2015 anche in Toscana. In quest’ultima regione, si svolgono dei veri e propri campionati regionali. Una volta l’anno si tiene il torneo nazionale. Nel contempo si svolgono campionati regionali. Nel novembre del 2016 parte il primo campionato italiano di dodgeball.

L’arte protagonista al Rione Rosso con la mostra di Daniele Rendo

Daniele Rendo rione rosso

Arte e buona musica al Rione Rosso nelle settimane che precedono le gare degli sbandieratori e il Palio del Niballo. “Il mestiere del grafico” è il titolo della mostra personale di Daniele Rendo è stata inaugurata lunedì 12 giugno alle 17.30 nella sede del Rosso in via Campidori 28 e potrà essere visitata tutti i giorni, da mattina a sera, fino a mercoledì 21 compreso. L’esposizione è composta da una quarantina di tavole ed è accompagnata da un piccolo catalogo realizzato con il contributo del Rione Rosso, del Ristorante “Zingarò” e di Dialoghi Tributari srl e pubblicato da Edit Faenza.

I volti di Daniele Rendo nella mostra “Il mestiere del grafico”

“La prima considerazione è che Daniele Rendo viene da una buona scuola che è quella della pratica quotidiana partita da una solida base – afferma nella prefazione al catalogo della mostra Claudio Casadio, direttore della Pinacoteca Comunale di Faenza -. Ha infatti seguito l’intero percorso formativo della Scuola comunale di Disegno ‘Tommaso Minardi’, dove ha appreso gli elementi fondamentali di un fare operativo che può anche diventare arte. Rendo resta sempre coerente sia che lavori per una grafica pubblicitaria, sia quando riproduce un angolo della sua amata Faenza e sia quando disegna i ritratti delle persone attorno a lui, su cui è evidente che si sofferma maggiormente utilizzando il volto umano come continua fonte di ispirazione“.

“Nella selezione di opere presentata per la mostra nel Rione Rosso – aggiunge Casadio – vi sono alcuni disegni che sembrerebbero alludere all’atmosfera di racconti noir, ma poi tornano i volti disegnati con sereni sorrisi voluminosi”.

Tanti appuntamenti musicali al rione di via Campidori

Come negli altri Rioni, le serate che precedono la domenica del Palio, il 25 giugno, al Rosso sono ricche di momenti culturali e d’intrattenimento, oltre che di buona cucina, soprattutto romagnola. In piazza Rampi, nell’occasione area concerti all’aperto del Rione di via Campidori, sono in arrivo tre importanti appuntamenti musicali. Martedì 13 giugno, in collaborazione con Zingarò Jazz Club, si esibirà il “Nodo Trio”, con Daniele Santimone alla chitarra, Tiziano Negrello al contrabbasso e Giacomo Scheda alla batteria: viaggio in un nuovo progetto musicale a ritmo di jazz.

Giovedì 15 sarà la volta del “Duo Stoico”, formato dal chitarrista di strada Mattia Ciani e da Mazzo, cantante per diletto, i quali proporranno un loro repertorio interamente acustico di brani famosi e non, che farà tuffare il pubblico in un’atmosfera come quella che si respira davanti ad un falò in riva al mare. Martedì 20, ancora in collaborazione con lo Zingarò Jazz Club, è in programma un concerto della Big Band del Dipartimento Jazz della Scuola comunale di Musica “Giuseppe Sarti” di Faenza, laboratorio permanente per musicisti attenti sia ai linguaggi dell’improvvisazione sia alla musica contemporanea e dei nostri giorni.

Il “Sarti Jazz Art Ensemble”, diretto da Daniele Santimone coadiuvato da Tiziano Negrello e Damiano Drei, costituisce un elemento fondamentale del panorama musicale faentino, partecipando all’importante festival “Fiato al Brasile” e dando vita alla collaborazione con l’Ensemble d’Archi “Sarti”. Quella del Rione Rosso sarà l’occasione per un viaggio nella tradizionale musica brasiliana, ma non solo.

Per la settimana delle bandiere il Borgo Durbecco “va di moda!”

Dalla moda ai quiz show passando per concerti firmati da band “barghigiane doc”. La Commenda di Borgo Durbecco (piazza Fra Saba, 5) è sicuramente una delle location più suggestive di Faenza per trascorrere la settimana in attesa della gare delle bandiere: da lunedì 12 giugno tanti gli appuntamenti che si succederanno nello splendido chiostro della Commenda. Oltre ai numerosi eventi sarà possibile cenare nella sede rionale: a caratterizzare la settimana delle bandiere sarà la “pizza pazza” per tutte le sere dalle 19 alle ore 24.

Lunedì 12 giugno una speciale sfilata di moda in Borgo

Si partirà lunedì 12 giugno con “Il Borgo Durbecco va di moda!“, sfilata all’interno del chiostro dove, per l’occasione, verranno ospitati diversi esercenti per una serata all’insegna del gusto e dello stile. La serata inizierà alle ore 21.30 e sarà un appuntamento speciale per il rione di Porta delle Chiavi. La musica caratterizzerà invece la giornata di giovedì 15 giugno con “I Balla & Dalla in concerto“, la band formata esclusivamente da rionali e barghigiani doc con la straordinaria partecipazione della cantante Gloria Turrini: rock e blues risuoneranno all’interno del chiostro della Commenda dalle ore 21.30. Venerdì 16 giugno è invece la volta del quiz show “Quizzami” condotto da Laura Padovani: in palio numerosi premi per il tavolo che saprà rispondere più velocemente alle domande (consigliata la prenotazione).

Per info e prenotazioni: 0546 – 634478.