I 5 cavalieri che si sfideranno alla giostra del Niballo: chi vincerà?

cavalieri giostra

Si avvicina il giorno della resa dei conti. Domenica 23 giugno alle ore 18 si correrà a Faenza la 62^ edizione del Palio del Niballo, una delle giostre più affascinanti e difficili d’Italia. Ecco i cinque cavalieri che allo stadio Bruno Neri difenderanno i colori dei cinque rioni della città. La sfida annunciata sembra essere ancora una volta quella tra Rione Rosso e Rione Giallo, con Valentino Medori (detentore del titolo) e Daniele Ravagli. Ma possibili outsider possono essere anche gli altri sfidanti: Cristian Cordari del Borgo, Matteo Tabanelli del Rione Nero e Nicolas Billi, debuttante, del Rione Verde.

Borgo Durbecco

Cristian Cordari

Il rione del Borgo, già sette volte vincitore del Niballo, affida le proprie speranze di centrare un altro successo, al cavaliere serviglianese Cristian Cordari, con 45 anni il meno giovane fra quelli in lizza. Nella vita imprenditore turistico, sposato, due figlie, Cordari cavalca sin da giovanissimo e vanta partecipazioni alle più importanti giostre storiche d’Italia, dove ha vinto una decina di volte: 4 a Servigliano, 2 volte a Pistoia dove si è imposto 3 volte nello sperone d’oro, e soprattutto a Foligno dove ha vinto la prestigiosa Quintana nel 2017. E’ il 21^ fantino del Borgo Durbecco. Si presenterà al ritiro della lancia in sella al debuttante Gaggiano.

Rione Giallo

Daniele Ravagli

daniele ravagli rione giallo

Il 32enne Daniele Ravagli, nella vita disegnatore meccanico, cercherà di portare alla quarta vittoria, nella gara faentina più importante, il Rione di Porta Ponte. Ravagli, sposato con un’ex dama del Rosso, ha una figlia ed è il 18° fantino del Rione Giallo, Dal settembre 2003 ha intrapreso la carriera di  fantino da giostre storiche. Daniele Ravagli, vanta due vittorie alla Bigorda d’oro, 2008 e 2009, e soprattutto quella al Palio del Niballo, del 2013 e 2017. Aveva vinto anche l’edizione 2011 ma fu squalificato il cavallo per doping. Nel 2015 ha vinto anche la giostra del Saraceno a Mercato Saraceno e nel 2017 quella di Monselice. Correrà in sella a Ischia Porto che ha realizzato i migliori tempi in prova.

Rione Nero

Matteo Tabanelli

Il Rione Nero, già vittorioso 15 volte al Palio del Niballo, l’ultima nel  2008, si presenta in lizza con il 23enne Matteo Tabanelli, agricoltore. Da meno di sei anni si allena con la lancia in tornei storici e sarà alla sua terza apparizione nella gara più titolata. Tabanelli è 18° cavaliere della storia del Rione di via Della Croce e vanta la vittoria della Bigorda 2016 ottenuta con 8 scudi, inoltre nel 2015 ha vinto il Palio del Mare e la prima edizione della Giostra di Castel Bolognese.   Correrà portando al debutto Kelly in Black.

Rione Rosso

Valentino Medori

Il  rione di porta Imolese, già primo in 32  edizioni del Palio del Niballo, si affida al 35enne Valentino Medori, nella vita  controllore di traffico aereo all’aeroporto di Bologna. Sposato con due figli, è l’11° cavaliere della storia del Rione con sede in Via Campidori. Si presenta per la quarta volta nella corsa più importante dopo che ha corso cinque Bigorde d’oro. Cavalca dall’età di 17 anni. Ha dimostrato di avere classe per le corse storiche d’Italia e nel 2011 è entrato  nell’albo d’oro dei cavalieri faentini con la vittoria ottenuta alla Giostra di Monselice, poi ha vinto nel 2014 e 15 con l’en plein di scudi 8 su 8, due Bigorde D’oro e nel 2016 e 2018 il Palio del Niballo. Sarà in sella all’esperto e velocissimo nelle   Usurpatore.

Rione Verde

Nicolas Billi

Per il Rione di Porta Montanara, sette volte primo al Niballo, esordio al Palio per il 23enne Nicolas Billi, che diventa così il 19° cavaliere della storia del Rione Verde  a calcare la pista del Palio, Nicolas Billi, nella vita di tutti i giorni è impiegato. Solo da sei anni cavalca in giostre storiche. Al ritiro della lancia si dovrebbe presentare sul debuttante Salimbeni.

A cura di Gabriele Garavini

Palio del Niballo, al via la prevendita dei biglietti

Sabato 15 e domenica 16 giugno, in occasione delle gare delle bandiere in piazza del Popolo, prenderà il via anche la prevendita dei biglietti della 63^ edizione del Niballo – Palio di Faenza. I biglietti per la giostra del 23 giugno prossimo si possono acquistare presso il botteghino del teatro comunale Masini, in piazza Nenni, sabato e domenica dalle ore 19.30 alle 22.00.

La prevendita proseguirà poi, sempre presso il botteghino del teatro, nelle giornate di martedì 18, giovedì 20 e sabato 22 giugno, dalle ore 17.30 alle 19.

Infine, domenica 23 giugno, giorno della giostra, prevendita presso le biglietterie dello stadio “Bruno Neri”, al mattino dalle 10 alle 12, mentre il pomeriggio le biglietterie dello stadio saranno aperte dalle 15. I biglietti sono inoltre acquistabili on line sul sito Internet: www.vivaticket.it.

Per informazioni rivolgersi al botteghino del teatro Masini (tel. 0546 21306), nei giorni e negli orari sopra indicati, all’Ufficio Palio del Comune di Faenza (tel. 0546 691651/691664), negli orari di ufficio, oppure consultare il sito web: www.paliodifaenza.it.

I prezzi dei biglietti

I prezzi dei vari tagliandi per la giostra del 23 giugno sono i seguenti: tribuna centrale numerata 40 euro; tribune laterali numerate B e C 32 euro; curva e gradinate (posti non numerati) 17 euro; ridotti 15 euro (posti non numerati per soci rionali, adulti oltre 65 anni e ragazzi da 8 a 14 anni). Nei posti non numerati l’ingresso è gratuito fino a 8 anni.

Prove del Niballo: Ravagli c’è, in attesa di vedere Medori e Usurpatore

Giallo vs. Rosso; Daniele Ravagli vs. Valentino Medori: sembra essere ancora questa la sfida principale che caratterizzerà il 63° Palio del Niballo. Archiviata una Bigorda ricca di emozioni (e di errori) si sono svolte mercoledì 12 giugno le prove ufficiali della giostra del Niballo, che ha visto emergere il cavaliere di Porta Ponte, che torna a casa dal torneino con quattro scudi su quattro registrando i tempi migliori su due ‘certezze’ come Nanbo King (12’500) e Ischia Porto (12’446). Qualche piccola apprensione nel riscaldamento per una caduta e leggera distorsione alla caviglia per Ravagli, che non ha comunque pregiudicato la sua prova in pista.

Non scopre ancora le proprie carte invece Valentino Medori: il detentore del Niballo cade su Dock of the Bay nella prima tornata (fortunatamente senza conseguenze) e non corre la seconda serie di prove con il fedelissimo Usurpatore con cui ha già conquistato due Bigorde e due Palii del Niballo. Cristian Cordara di Borgo Durbecco registra tempi che vanno dal 12’933 al 12’622; il giovane del Nero Matteo Tabanelli, già vincitore di una Bigorda, ottiene il miglior tempo sulla pista di sinistra con 12’752; mentre Nicolas Billi del Verde, che per la prima volta correrà il Niballo, appare più in difficoltà non scendendo mai sotto i 13 secondi.

La I serie di prove

Nella prima serie di tornate, le sfide vedono scendere in pista i binomi Nicolas Billi/Pattolina per il Verde; Cristian Cordari/Quirino di Chia per il Borgo; Matteo Tabanelli/Kelly in Black per il Nero; Daniele Ravagli/Nanbo King per il Giallo e Valentino Medori /Dock of the Bay per il Rosso.

A vincere il torneino sono Giallo e Borgo con due scudi a testa, il Verde segue con uno scudo e infine Nero e Rosso terminano senza scudi.

Pista di sx tempo Pista di dx Tempo
1^ tornata Nicolas Billi 13’297 Cristian Cordari 12’632
2^ tornata Cristian Cordari 12’809 Matteo Tabanelli 12’949
3^ tornata Matteo Tabanelli Daniele Ravagli 12’500
4^ tornata Daniele Ravagli 12’625 Valentino Medori 13’352
5^ tornata Valentino Medori Nicolas Billi 14’152

La II serie di prove

La seconda serie di prove vede correre Nicolas Billi/Guaderian; Matteo Tabanelli/Tout Reserve;  Cristian Cordari/Gaggiano; Daniele Ravagli/Ischia Porto.

Il Giallo si conferma vincitore con due scudi su due, a pari merito in questa seconda serie di sfide con i Nero. Il Borgo porta a casa uno scudo, senza scudi rimangono Verde e Rosso, che non ha corso.

Pista di sx tempo Pista di dx Tempo
1^ tornata Nicolas Billi 13’612 Matteo Tabanelli 13’113
2^ tornata Matteo Tabanelli 12’752 Valentino Medori
3^ tornata Valentino Medori Cristian Cordari 12’622
4^ tornata Cristian Cordari 12’933 Daniele Ravagli 12’446
5^ tornata Daniele Ravagli 12’779 Nicolas Billi 13’586

Il commento di Mario Giacomoni

Il Giallo presenta un bellissimo Nanbo King 12’500 a destra e 12’625 a sinistra; poi il suo compare Ischia Porto 12’446 a destra e 12’779 a sinistra. Il tempo dell’ultima a sinistra può sembrarvi un pochino alto, ma va anche detto che il Ravagli era dolorante a una caviglia per una banale caduta in riscaldamento e che appena finite le prove è stato portato al pronto soccorso per un controllino. Il popolo di Porta Ponte “è in ansia” per il suo “cavaliere titolare” ma c’ha due gran buoni cavalli da mettere in campo e fra i quali scegliere. Il Borgo ha messo in pista prima Quirino 12’632 a destra e 12’809 a sinistra; poi Gaggiano 12’622 a destra e 12’933 a sinistra. Cordari, il cavaliere marchigiano, sembra non forzare più di tanto, non ci resta che rivederlo il 23 perché venerdì sarà a Foligno.

Il Nero presenta Kelly in Black giusto per fare scena e il solito Tout Reserve sopra i 13 a destra e 12’752 a sinistra; indecifrabile al momento quanto possa rendere all’atto pratico nella prossima tenzone. Il Verde è veramente nei guai, però non si sa mai, la purosangue Pattolina pensiamo proprio non sia adatta al nostro “gioco”, ma il piccolo Guaderian sta imparando il mestiere e potrebbe stupirci con effetti speciali, chissà. Il Rosso non ha portato Usurpatore, pare si sia strappato un ferro e “ferito ad una suola”, perciò invalidato all’impegno delle prove ufficiali, ma recuperabile per la Giostra; il popolo di Porta Imolese “è in ansia” per il suo “cavallo titolare”… e ne ha tutte le ragioni perché dietro c’è il nulla, lo zero assoluto. Stasera si sono presentati con una cavalla che, riottosa ai limiti della nevrastenia una volta dentro la gabbia, finiva per disarcionare Medori, il cavaliere rosso rischiava veramente di farsi male.

Foto: Tiziana Roversi

Partono le prove del Palio del Niballo: date e orari

cavalieri giostra

Appena archiviata la 23^ edizione della Bigorda d’Oro, con il successo del rione Giallo che ha bissato la vittoria dello scorso anno al termine di una giostra emozionante e conclusasi dopo una lunga tornata di spareggi, è ora già tempo di Niballo. Questa sera – lunedì 10 giugno – allo stadio Bruno Neri, dalle ore 18.30 alle 21.00, iniziano, infatti, le prove libere dei cinque cavalieri che correranno, domenica 23 giugno, la 63^ giostra del Niballo – Palio di Faenza.

Mercoledì 12 giugno le prove ufficiali del Palio del Niballo

Dopo questa prima serata di prove, mercoledì 12 giugno, con inizio alle ore 19.30, si terranno invece le prove ufficiali, mentre l’ultima tornata di prove libere è programmata venerdì 14 giugno, sempre dalle 18.30 alle 21.00.
In caso di maltempo e conseguente rinvio di una o due di queste serate, le prove saranno eventualmente recuperate lunedì 17 e martedì 18 giugno.

Nel weekend le gare delle bandiere

Nel prossimo week end, in piazza del Popolo, sono inoltre programmate le tradizionali gare degli alfieri bandieranti e musici. Sabato 15 giugno, alle ore 20.30, le gare del singolo, della piccola squadra, della grande squadra e musici, mentre domenica 16, con inizio alle ore 21.00, sono previsti il giuramento dei cavalieri che correranno la giostra del 23 giugno e la gara delle bandiere nella specialità della coppia.

In caso di maltempo, sabato 15 ci si sposta a Lugo, domenica 16 a Castel Bolognese

In caso di maltempo le gare di sabato si svolgeranno nel Pala Banca di Romagna, a Lugo, mentre quelle di domenica – la coppia – nel palazzetto dello sport di Castel Bolognese, negli stessi orari previsti dal programma della manifestazione.

Il giuramento dei cavalieri sarebbe invece rinviato a domenica 23 giugno, alle ore 16.15, sempre in piazza del Popolo, prima della partenza del corteo storico del Palio del Niballo.

Bigorda 2019: il commento di Mario Giacomoni

Trentun giri di giostra: tanti ne sono occorsi per assegnare questa Bigorda d’Oro che nessuno sembrava volersi portare a casa: né il Verde che presenta il debuttante Luca Paterni col suo muletto vestito da “cavallo da Giostra”; nè il Rosso con Matteo Gianelli, che forse pensava di andare a Monterubbiano, a Narni o a Sulmona… sì dai, quelle Giostre dove si corre solo “in un verso”, a sinistra appunto. E’ vero che se sei il primo sfidante ti devi preparare “a modino” per far bene quello, senza però scordarti che dopo c’hai da girare anche dall’altra parte.

E nemmeno il Borgo sembrava voler far sua questa Bigorda, il cui giovane cavaliere Tommaso Suadoni sfrutta malamente almeno quattro ghiotte occasioni per emergere dalla massa, a cominciare dal salto di corsia nella sesta tornata, contro un Verde che veniva in 13’760 per passare poi al nullo della successiva col Nero fino all’errore nella quindicesima sfida, quando “lisciava” in una tornata da disputare in solitario, col Nero fuori dalle gabbie. E infine con la caduta in partenza nella sesta di spareggio che avrebbe dovuto fare tranquillamente, ancora una volta in solitario, per l’assenza del Rosso che si era ritirato.

Immagine emblematica di una serataccia per tanti cavalieri: Borgo vs Nero, bella la partenza, ma sul Niballo sarà nullo…

Non si è arreso invece il Nero di Daniele Maretti, che batte alla ventesima tornata il Giallo e lo porta a uno “spareggione a quattro”, ma quella debacle nella nona di spareggio, dove rimane fuori dagli stalli un’altra volta, gli toglie definitivamente ogni speranza.

Il vincitore, Manuel Timoncini.

Il vincitore Manuel Timoncini del Giallo, con una cavalla che ha tempi da Niballo, dopo aver sciupato vari match point durante tutto l’arco del Torneo rischia di brutto all’undicesima di spareggio, arriva troppo sotto, colpisce esattamente sugli otto centimetri esterni e gli “va grassa” con il colpo che risulta buono e vincente: Porta Ponte vince la Bigorda e tutto lo stadio tira finalmente un sospiro di sollievo.

Mario Giacomoni

Foto: Tiziana Roversi